Il progetto regionale "Palestre della salute" e "Palestre sicure"

PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE 2014-2018. AZIONE N. 9 – PROMOZIONE DELL’ESERCIZIO FISICO ATTRAVERSO LA CREAZIONE DI UNA RETE DI PALESTRE TERRITORIALI ATTIVITÀ N. 2 – DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL’ESERCIZIO FISICO SULLA BASE

Il progetto è finalizzato a favorire la pratica dell’esercizio fisico in palestre strutturalmente e professionalmente adeguate tramite la creazione e certificazione di una rete territoriale di “Palestre della Salute” per la prevenzione primaria e di “Palestre Sicure” per il trattamento delle malattie croniche non trasmissibili (di seguito MCNT) sensibili all’esercizio fisico.

In particolare, nell’ambito della programmazione in corso, il progetto si rivolgerà agli individui affetti da ipertensione arteriosa e diabete mellito di tipo 2.

La creazione della rete territoriale di “Palestre della Salute” e “Palestre Sicure” è volta a favorire un accesso alle strutture da parte degli utenti subordinato alla presentazione di certificato di idoneità alla pratica sportiva non agonistica rilasciato dai medici individuati dalle norme di legge. In particolare, sarà favorito il legame tra i medici di Medicina Generale, i medici specialisti in Medicina dello Sport, medici specialisti e le strutture accoglienti (“Palestre della Salute” e “Palestre Sicure”)

Il progetto si articola su due linee di intervento, fra di loro fortemente interconnesse:

  • linea 1. Realizzazione di una campagna regionale di sensibilizzazione, volta a favorire modificazioni degli stili di vita motori. 
  • linea 2. Promozione della pratica dell’esercizio fisico in palestre strutturalmente e professionalmente adeguate attraverso:
    • creazione e certificazione di una rete territoriale di “Palestre della Salute”, per quel che concerne la prevenzione primaria delle più comuni MCNT, sensibili all’esercizio fisico;
    • creazione e certificazione di una rete territoriale di “Palestre Sicure”, per quel che concerne il trattamento delle più comuni MCNT sensibili all’esercizio fisico.

Nell’ambito della seconda linea d’intervento, una specifica equipe didattico-scientifica, composta da Medici dei Servizi di Medicina dello Sport e Servizi di Igiene e Sanità Pubblica delle ASL territorialmente competenti, unitamente al personale dell’Università “G. d’Annunzio”, per il territorio di Chieti e Pescara, e dell’Università degli Studi di L’Aquila, per il territorio di L’Aquila e Teramo, è responsabile della strutturazione e realizzazione dei corsi di formazione.

I contenuti del corso di 1° livello verteranno su:

•          Comportamenti sedentari, attività fisica ed esercizio fisico per la salute, nell’adulto di età compresa tra i 18 ed i 65 anni. Revisione della letteratura e linee guida internazionali;

•          Ideazione di programmi di allenamento per l’adulto non affetto da MCNT.

Il piano di studi dettagliato può essere consultato alla seguente pagina (link in aggiornamento)

Il mantenimento della qualifica di professionista certificato di 1° livello avverrà mediante la partecipazione a corsi di aggiornamento specifici, da svolgersi almeno ogni 2 anni.

Per essere inserite nell’elenco delle “Palestre della Salute”, le strutture dovranno rispondere a specifici requisiti strutturali ed organizzativi, di seguito riportati:

  • Requisiti strutturali certificati dal Dipartimento di Prevenzione della ASL territorialmente competente (Requisiti strutturali PRP 2014-2018 - Azione N. 9);
  • pianificazione e somministrazione del programma di esercizio fisico affidati esclusivamente a personale laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive (L22 o equipollenti) che abbiano ottenuto la qualifica di professionista certificato di 1° livello
  • garanzia di un rapporto massimo istruttore/clienti pari a 1/10 clienti/turno, per le attività svolte indoor, ed 1/15 clienti/turno, per le attività svolte outdoor;
  • presenza di un defibrillatore semiautomatico e di personale laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive (L22 o equipollenti) con certificazione BLSD;
  • adesione al codice etico regionale (Codice etico PRP 2014-2018 - Azione N. 9).
  • Alla fine dell’anno solare, ciascuna “Palestra della Salute” dovrà inviare un report al Servizio di Igiene e Sanità Pubblica ed al Servizio territoriale di Medicina dello Sport di riferimento della ASL di appartenenza (link in aggiornamento).

I contenuti del corso di 2° livello verteranno su:

•          linee operative regionali dell’attività fisica per il trattamento delle MCNT sensibili all’esercizio fisico;

•          comportamenti sedentari, attività fisica ed esercizio fisico per la salute, dell’adulto.

Revisione della letteratura e linee guida internazionali;

•          pro, contro ed avvertenze specifiche alla pratica di esercizio fisico nell’ambito delle MCNT sensibili all’esercizio fisico;

•          tirocinio presso uno dei centri di riferimento, da svolgersi sotto la supervisione degli Atenei di Chieti-Pescara e di L’Aquila e dei Servizi ASL di Igiene e Sanità Pubblica e di Medicina dello Sport.

Il mantenimento della qualifica di professionista certificato di 2° livello avverrà mediante la partecipazione a corsi di aggiornamento specifici, da svolgersi almeno ogni 2 anni organizzati da Università e dai Servizi di Medicina dello Sport e di Igiene e Sanità Pubblica dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL.

Per essere inserite nell’elenco delle “Palestre Sicure”, le strutture dovranno rispondere a specifici requisiti strutturali ed organizzativi, di seguito riportati:

  • Requisiti strutturali certificati dal Dipartimento di Prevenzione della ASL territorialmente competente (Requisiti strutturali PRP 2014-2018 - Azione N. 9);
  • pianificazione e somministrazione del programma di esercizio fisico affidati esclusivamente a personale laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate (di seguito definito S.T.A.M.P.A., LM-67 o equipollenti) che abbiano ottenuto la qualifica di professionista certificato di 2° livello;
  • garanzia di un rapporto massimo istruttore/clienti pari a 1/8 clienti/turno, per le attività svolte indoor, ed 1/12 clienti/turno, per le attività svolte outdoor;
  • presenza di un defibrillatore semiautomatico e di personale laureato S.T.A.M.P.A. (LM-67 o equipollenti) certificato BLSD;
  • adesione al codice etico regionale (Codice etico PRP 2014-2018 - Azione N. 9).
  • Alla fine dell’anno solare, ciascuna “Palestra Sicura” dovrà inviare un report alla ASL di appartenenza, nello specifico, ai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica ed ai Servizi di Medicina dello Sport dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL (link in aggiornamento).

Informazioni dettagliate sul PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE 2014-2018 possono essere consultate al seguente indirizzo (PRP 2014-2018 - Azione N. 9)